Come Registrare Un Cd Promo in Cantina - Parte Introduttiva

#1
--- UPDATE GENNAIO 2018. E' evidente che alcune delle informazioni contenute in questi interventi sono oramai vecchiotte, essendo oramai passati un po' di anni. Sto cercando di aggiornarle un po' per volta. Comunque, direi che la linea di fondo non cambia molto e che sono ancora abbastanza validi. Certo, rileggendoli mi rendo conto che oramai alcuni dei concetti esposti sono un po' naif, ma vabbè. I tempi cambiano ! ---


Con questo contributo intendo cominciare una "famiglia" di post nei quali vorrei discutere della registrazione home-made (ovvero, casalinga o quasi) dei nostri pezzi al fine di ottenere un prodotto distribuibile e pienamente rappresentativo delle nostre capacità.

Vorrei chiarire fin da subito che non intendo trattare in maniera sistematica tutto lo scibile sulla registrazione home-made (cosa che viene fatta con maggior professionalità in decine di altri siti), ma voglio piuttosto esporre il metodo che sto utilizzando in questo periodo (e che ritengo sufficientemente efficace da essere reso pubblico) per una registrazione di un prodotto che vuole avere una qualità audio di buon livello.

STABILIRE UN TARGET (= cosa voglio ottenere?)

Quello che voglio proporvi è una discussione sulla registrazione di un CD PROMO, cioè di uno di quei CD che potete trovare in vendita ai "banchetti" dei concerti di gruppi non professionali a prezzi intorno ai 5 euro (una decina per i più spacconi). Immagino che abbiate capito tutti di cosa sto parlando.

Ciò che differenzia il PROMO dal DEMO è essenzialmente legato a quantità e qualità.

I DEMO (= dimostrativi) contengono in media 3-4 pezzi, e sono prodotti che hanno in genere l'unico scopo di fornire del materiale ai selezionatori dei locali. Secondariamente, spesso sono regalati o "svenduti" a prezzi politici (1-3 euro) al pubblico. Nel momento in cui si registra un demo, quindi, si tiene conto del target e lo si lega al proprio budget. Poichè il demo non è pensato per soddisfare il palato degli audiofili, ma ha il solo fine di far capire che genere facciamo e grossomodo il livello tecnico, può non essere necessario andare troppo per il sottile su quello che riguarda la qualità intrinseca. Tradotto: è spesso inutile spendere troppi soldi in un demo.
Il mio personalissimo parere sui demo è che essi vadano registrati totalmente in studio attrezzato, stanziando un budget intorno ai 100 euro a pezzo. Il metodo che ho trovato più efficace ed economico è basato su una registrazione contemporanea di tutte le sessioni ritmiche (con, ovviamente, microfonazione individuale) dedicando particolari accorgimenti solo a voce e strumenti solisti. In questo modo, si ottiene un prodotto dignitoso con pochissime ore in studio (= minima spesa). Inutile investire in una attrezzatura per un demo, a meno che non si disponga di batteria elettronica. In tal caso ci si può divertire anche in casa con una scheda audio anche di bassa qualità.

I PROMO (= promozionali) hanno invece la pretesa di avvicinarsi a prodotti commerciali un po' più raffinati e quindi devono garantire una qualità di fondo molto più elevata del demo. La finalità del promo è il pubblico, garantendo possibilmente un ritorno economico (seppur limitato in molti casi, inutile farsi troppe illusioni) all'artista. Nel momento in cui chiediamo all'acquirente una cifra che è più alta dei già citati 2 euro che non si negano a nessuno, dobbiamo dare in cambio qualcosa che sia bello e il più professionale possibile. E' possibile registrare un PROMO in studio, ma i costi lievitano in maniera impressionante. Poiché la qualità del promo vuole avvicinarsi a quella dei prodotti commerciali, beh, anche i costi possono avvicinarsi molto a quelli di un prodotto di quel tipo. Per nostra fortuna, negli ultimi anni la tecnologia è venuta in nostro soccorso. Oggi è effettivamente possibile, grazie all'elettronica e all'informatica, fare nella nostra cantina qualcosa che solo 15 anni fa era possibile esclusivamente negli studi attrezzati. Senza dimenticare il principale vantaggio dell'home recording: la gestione del tempo. In studio, ogni take che scartate la pagate come buona. Ogni ora in più sono soldi che si accumulano sulla fattura. A casa vostra, ve la vedrete solamente con gli altri impegni della vostra vita.

Questo è possibile, però, a patto di investire una certa cifra in attrezzature e un certo tempo per imparare ad usare al meglio queste attrezzature.
Poichè l'investimento non è proprio trascurabile, in genere i PROMO sono costituiti da 7-10 pezzi. Visto che spendiamo, vorremo registrare il più possibile (in tempi ragionevoli).

Il sistema che ho sviluppato in questi mesi mi sta consentendo di registrare un promo dalla A alla Z (dalla registrazione alla consegna a casa del prodotto stampato, finito e cellophanato) con 2000 euro (nota postuma: dopo lo scioglimento del gruppo abbiamo rivenduto l'attrezzatura. Avendola comprata usata, il budget è stato recuperato quasi integralmente). Spero che troverete interessanti i prossimi capitoli, che inizierò a pubblicare dalla prossima settimana.

ALTRE PARTI:
Parte Prima
Parte Seconda
Parte Terza
Parte Quarta
Fender Strat Am. St. 1991
Gibson LP Studio 2002
Takamine P1DC
Zoom G5 -> DB Cromo 8+

Chitarre che ho avuto: MusicMan Axis SS % Vigier Excalibur % Fender Malmsteen, Strat Am.St. 2006, Classic Pl. 60 e T-Bucket 400CE % Dean ML USA % Ibanez RGT3020, A300E-VV e SIX70FDBG % Jackson RX10D % Yamaha Pacifica 112 e 821

https://www.facebook.com/upset.milano/
https://www.facebook.com/insolitamente.trio

Re: Come Registrare Un Cd Promo in Cantina - Parte Introduttiva

#5
credo di riuscire a finire la prossima puntata, su attrezzatura e pre-produzione, per questo sabato (o domenica).
Fender Strat Am. St. 1991
Gibson LP Studio 2002
Takamine P1DC
Zoom G5 -> DB Cromo 8+

Chitarre che ho avuto: MusicMan Axis SS % Vigier Excalibur % Fender Malmsteen, Strat Am.St. 2006, Classic Pl. 60 e T-Bucket 400CE % Dean ML USA % Ibanez RGT3020, A300E-VV e SIX70FDBG % Jackson RX10D % Yamaha Pacifica 112 e 821

https://www.facebook.com/upset.milano/
https://www.facebook.com/insolitamente.trio

Re: Come Registrare Un Cd Promo in Cantina - Parte Introduttiva

#6
Ian ha scritto:Il mio personalissimo parere sui demo è che essi vadano registrati totalmente in studio attrezzato, stanziando un budget intorno ai 100 euro a pezzo. Il metodo che ho trovato più efficace ed economico è basato su una registrazione contemporanea di tutte le sessioni ritmiche (con, ovviamente, microfonazione individuale) dedicando particolari accorgimenti solo a voce e strumenti solisti. In questo modo, si ottiene un prodotto dignitoso con pochissime ore in studio (= minima spesa).\n
\n\nPrima di passare allìargomento principale (giunge proprio a fagiolo, ne stiamo parlando con il gruppo in queste settimane), una domanda sul discorso dei demo. Da cosa deriva il tuo preventivo di 100 eurozzi a pezzo? è la media di quanto uno studio ti fa pagare di solito, è una stima dovuta al numero di ore che ci si impiega di solito.. ? Io ho trovato una sala di registrazione vicino a casa che sta cambiando gestione, e - anche se lo studio non è ancora pronto - farebbe pagare circa 150 € per tre pezzi, indipendentemente da ore di utilizzo, sessioni, ecc.\nQuello che vorrei capire è se si tratta di una buona offerta o di una possibile fregatura, visto che è più basso ancora di quello che avevo pagato 4 anni fa per 4 brani...

Re: Come Registrare Un Cd Promo in Cantina - Parte Introduttiva

#7
Il prezzo è una stima che ho fatto confrontando un po' di opinioni che ho sentito in giro da altri musicisti e da preventivi che ho richiesto. Oltre al fatto che di demo ne ho registrati come musicista 3 e seguiti come "produttore" (espressione grossa) altrettanti.\n\nQuel che ho visto è che per un demo da 3-4 pezzi (12-15 minuti di audio) si impiegano mediamente 5-6 ore piene in studio (fra montaggio, microfonazione, sondcheck, registrazione, riascolti, ri-registrazioni e smontaggio), e per un mix quantomeno decente ci vogliono altre 2-3 ore.\nIl prezzo all'ora per la registrazione può essere intorno ai 30-40.\n\nPoi, dipende sempre da cosa si fa. Magari se si fa punk si fa tutto in due ore... se si fa metal ci si può mettere il doppio del tempo.\nDipende da quanto siamo precisi a suonare, e da come sono stati scritti i pezzi.\n\nPoi, se per 150 euro ti garantiscono i requisiti minimi (ovvero, microfonazione individuale per strumenti e pezzi della batteria, registrazione almeno della voce a parte, e mixaggio)... allora non ci sono problemi. Se hanno in mente qualcosa di più spartano, bisogna pensarci bene.\n\nAd ogni modo, prima o poi scriverò una breve "guida al demo"... come sempre, non con l'idea di scrivere tutto ma almeno di chiarire qualche punto e togliere il panico al principiante ;)
Fender Strat Am. St. 1991
Gibson LP Studio 2002
Takamine P1DC
Zoom G5 -> DB Cromo 8+

Chitarre che ho avuto: MusicMan Axis SS % Vigier Excalibur % Fender Malmsteen, Strat Am.St. 2006, Classic Pl. 60 e T-Bucket 400CE % Dean ML USA % Ibanez RGT3020, A300E-VV e SIX70FDBG % Jackson RX10D % Yamaha Pacifica 112 e 821

https://www.facebook.com/upset.milano/
https://www.facebook.com/insolitamente.trio

Re: Come Registrare Un Cd Promo in Cantina - Parte Introduttiva

#9
Pubblicato il nuovo capitolo, sulle scelte preliminari di base.\n\nviewtopic.php?f=77&t=17287
Fender Strat Am. St. 1991
Gibson LP Studio 2002
Takamine P1DC
Zoom G5 -> DB Cromo 8+

Chitarre che ho avuto: MusicMan Axis SS % Vigier Excalibur % Fender Malmsteen, Strat Am.St. 2006, Classic Pl. 60 e T-Bucket 400CE % Dean ML USA % Ibanez RGT3020, A300E-VV e SIX70FDBG % Jackson RX10D % Yamaha Pacifica 112 e 821

https://www.facebook.com/upset.milano/
https://www.facebook.com/insolitamente.trio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron